Articoli

Giornata Mondiale dei Diritti Umani

Giornata Mondiale dei Diritti Umani: perché nessuno rimanga indietro

Il 10 Dicembre si celebra la Giornata mondiale dei diritti umani, una giornata istituita per ricordare la proclamazione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite della Dichiarazione universale dei diritti umani, avvenuta il 10 dicembre 1948.

Specie in questo periodo storico è importante ribadire l’importanza della Dichiarazione e dei diritti umani la cui enunciazione e tutela porta con sé; è uno stimolo per ricordare quanto il mondo sia oggi contraddistinto da disuguaglianze, diritti negati e quanto ci sia ancora da fare per ridurle e un domani eliminarle.

Il rispetto del diritto alla vita, alla salute, all’istruzione, all’informazione, all’infanzia, all’alimentazione e di moltissimi altri è l’obiettivo cui la comunità internazionale deve mirare per costruire una società giusta ed equa in ogni parte del mondo.

Nella convivenza umana ogni diritto naturale in una persona comporta un rispettivo dovere in tutte le altre persone: il dovere di riconoscere e rispettare quel diritto”.

Papa Giovanni XXIII

Photo – Pixabay

giornata mondiale della gentilezza

Giornata mondiale della gentilezza: piccola meravigliosa rivoluzione quotidiana

Oggi 13 Novembre si celebra la Giornata Mondiale della Gentilezza. Nata in Giappone grazie al Japan Small Kindness Movement ci ricorda come i gesti siano importanti nel rapporto fra persone. La gentilezza infatti non è solo educazione, buone maniere o cortesia ma molto altro; è rispetto, capacità di intuire le difficoltà dell’altro e aiutarlo, tendere la mano a chi non ce la fa anche solo per attraversare la strada o salire un gradino. E’ empatia, voglia e piacere di regalare a qualcuno un po’ del proprio tempo e della propria disponibilità.

La gentilezza è oggi un valore forse desueto, messo da parte in ossequio alla eccessiva velocità con la quale siamo costretti a vivere la nostra vita. Ma di certo c’è che esso è il fulcro di quel calore umano che anche in un piccolo gesto siamo capaci di regalare. Nel mondo delle relazioni sempre più virtuali, dei like e dell’empatia ”social”, la gentilezza è una piccola meravigliosa rivoluzione quotidiana.

Photo – Pixabay

Giornata Mondiale del Libro: perché i libri sono un patrimonio

Giornata Mondiale del Libro: perché i libri sono un patrimonio

Il libro rappresenta per ognuno di noi un vissuto personale. Dalla scuola fino alle letture preferite, dai romanzi alla formazione professionale, passando per i ”libri del cuore” in cui ritrovare passioni e avventure, ricordi e il senso di ogni fase della propria vita.

La giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, oggi 23 Aprile, ci ricorda come i libri siano e rimarranno per sempre, nonostante l’avanzare ormai dilagante della ”cultura digitale”, un elemento fondante del nostro vivere sociale e delle nostre conoscenze più radicate.

Sebbene il sapere e il piacere della lettura si digitalizzino sempre più, non è infatti possibile mettere da parte la bellezza dello sfogliare le pagine di un libro, il profumo della carta e di quell’ancestrale senso di intimità che si instaura fra il libro e il suo lettore. Think UP (Global Service Auditorium del Massimo) celebra la giornata mondiale del libro e del diritto d’autore citando Marcel Proust:

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L’opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in sé stesso

Photo Copertina – Pixabay.com

Sport

Giornata Mondiale dello Sport

Il 6 aprile nel mondo si celebra la giornata mondiale dello sport. La data non è casuale, infatti essa coincide con l’apertura delle prime Olimpiadi dell’era moderna ad Atene, nel 1896. Lo sport è un insieme di valori, prima che un’attività fisica.

I valori

Valori che richiamano alla lealtà, allo spirito di squadra e alla voglia di raggiungere dei risultati; nel tempo il senso dello sport si è molto modificato, specie se inteso nella sfera del grande pubblico cui spesso è stato instillato solo il valore della vittoria. Ad ogni costo.

Il senso dello sport

Ma il senso vero dello sport, non deformato dalla modernità, risiede nel competere e nel mettersi alla prova e contestualmente crescere. Come persone e come società, dove l’avversario non è un nemico e chi arriva secondo non è da considerarsi un perdente ma un degno competitor nella disciplina.

Think Up, che gestisce in Global Service l’Auditorium del Massimo, ha nel suo bagaglio di esperienza l’organizzazione di numerosi eventi internazionali a carattere sportivo; nella giornata mondiale dello sport, vuole rilanciare il simbolico messaggio di Nelson Mandela:

”Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di ispirare. Esso ha il potere di unire le persone in un modo che poche altre cose fanno. Parla ai giovani in una lingua che comprendono. Lo sport può portare speranza dove una volta c’era solo disperazione”.

Photo – Pixabay